3.14: il White Day

Il 14 Marzo può sembrarvi un giorno come un altro … ma non in Giappone!
Oggi, nel Paese del Sol Levante, si festeggia il White Day.
Per chi non lo sapesse, questa festività si festeggia esattamente un mese dopo San Valentino non per caso.
Infatti se per il giorno degli innamorati in Giappone è usanza che SOLO le ragazze porgano dei doni agli uomini, oggi sono proprio quest’ultimi a dover rendere la gentilezza.
Tutti coloro che per San Valentino hanno ricevuto un regalo, sia esso proveniente dalla fidanzata, da un’amica o da una collega, oggi è tenuto a contraccambiare seguendo la regola del “sanbai gaeshi”. Quest’espressione sta ad indicare che il regalo debba essere almeno 3 volte più costoso di quello che si ha ricevuto a Febbraio.
  Anche per il White Day esistono tre categorie di doni:
  • honmei-choko (“cioccolato del favorito”) che si consegna alla persona amata;
  • tomo-choko (“cioccolato dell’amico”) che si consegna a un’amica;
  • giri-choko (“cioccolato d’obbligo”) che si regala per convenzione sociale alle colleghe;
Questa festa non ha origini molto lontane e la sua nascita è dovuta principalmente al consumismo Giapponese. Nel 1978 “ l’Associazione nazionale delle industrie dolciarie ” raccomandò agli uomini di ricambiare il favore il 14 Marzo, non a caso, per incrementare le vendite.
La giornata era stata originariamente chiamata “Marshmallow Day” dalla Ishimura manseido, un’azienda confettiera di Fukuoka che per il 14 Marzo produceva confezioni regalo di marshmallow.
Questa festa è originaria del Giappone ma viene celebrata anche in Corea del Sud e Taiwan.
Oggi gli uomini non regalano solo dei cioccolatini, ma anche gioielli, abiti o lingerie ma RIGOROSAMENTE di colore bianco.

Secondo un indagine condotta a Tokyo nel 1996 il regalo preferito dalle donne durante questa ricorrenza è un mazzo di fiori bianco accompagnato da unbigliettino.

Annunci