Il Sukiyaki – Ricetta dal Giappone

Sukiyaki

Ciao a tutti! ^_^

A grande richiesta, eccomi qua a parlarvi di un piatto della cucina giapponese: il sukiyaki.

La definizione più gettonata sul web è << piatto della cucina giapponese nello stile nabemono (“alla pentola”)>>  (fonte Wikipedia).

Si tratta di una ricetta proposta durante i giorni più freddi dell’anno e, principalmente, per le feste di capodanno (bonenkai), poiché considerata l’abbondanza di ingredienti necessari per prepararla è senza ombra di dubbio una pietanza costosa.

Per quanto riguarda la preparazione esistono 2 principali varianti: il sukiyaki nello stile di Kanto (area di Tokyo) e quello nello stile di Kansai (area di Osaka). La prima preparazione prevede

Salsa già pronta ^_^

che la salsa base per il piatto sia già pronta mentre nella seconda gli ingredienti vengono miscelati singolarmente a mano mano, durante la cottura.

Dal momento che ho già detto che non esiste una modalità di preparazione universale sarete già consci anche del fatto che non esiste una ricetta unica di questo piatto! Come dice il nome stesso (suki = piacere, yaki = ), potrete sbizzarrirvi nella cottura e creare un piatto completo e ricco non solo di sapori ma anche di colori.

Ingredienti per 6 persone:

500 gr di filetto parzialmente congelato

3 piccole cipolle bianche pelate

5 cipollotti pelati

1 grande carota pelata

400 gr di funghi champignon senza gambo

½ piccolo cavolo cinese

100 gr di tofu “firm”

225 gr di germogli di bambù in scatola sgocciolati

2 tazze di germogli di soia

100 gr di vermicelli giapponesi per sukiyaki (vedi nota)

6 uova

Salsa:

1/3 tazza di salsa di soia giapponese

¼ tazza di brodo di carne leggero

¼ tazza di sake

¼ tazza di mirin

2 cucchiai di zucchero

¼ tazza di olio di semi

  1. Servendovi di un coltello estremamente affilato tagliate a fettine il più sottili possibile il filetto parzialmente congelato, quindi adagiatele in maniera decorativa su un vassoio o su un piatto da portata lasciando spazio per l’assortimento di tofu, vermicelli e verdure pronti per la cottura. Coprite le fette di filetto e lasciate il piatto in frigorifero, nel frattempo potete preparare gli altri ingredienti.
  2. Tagliate le cipolle bianche in 6 spicchi. Tagliate a fettine la parte bianca dei cipollotti e a listarelle lunghe 4 cm la parte più ferma del gambo verde, eliminate il rimanente. Tagliate le carote più o meno delle dimensioni di un fiammifero e della stessa lunghezza dei cipollotti. Pulite i funghi con uno strofinaccio e divideteli in due. Eliminando le foglie più dure e il gambo, tagliate il cavolo a pezzettini. Affettate il tofu a cubetti di 2 cm circa per lato. A questo punto potete eliminare le estremità dei germogli di soia e tagliare i germogli di bambù a listarelle della medesima dimensione. Disponete secondo il vostro gusto tutte le verdure sul piatto, accanto alle fette di carne.
  3. Fate bollire i vermicelli tra i 2 e i 5 minuti; non dovete oltrepassare il tempo di cottura perché i vermicelli potrebbero sciogliersi. Scolateli bene, quindi, servendovi di un paio di forbici, tagliateli a una lunghezza di circa 5 cm – in modo che a tavola possiate facilmente arrotolarli sui bastoncini. Adagiate i vermicelli sul piatto accanto alla carne, alle verdure e al tofu.
  4. Per la salsa: in una piccola ciotola unite la salsa di soia, il brodo di manzo, il sake, il mirin e lo zucchero e mescolate finché lo zucchero non si è sciolto.
  5. Appena prima di servire riscaldate una grossa padella, o un piastra elettrica se farete cuocere il sukiyaki direttamente a tavola, e spennellatela con poco olio. Quando la piastra sarà bollente, prendete circa un terzo di cipolle, cipollotti, carote, funghi, cavolo, germogli di bambù e tofu, e fateli cuocere per circa 2 minuti, rigirandoli di continuo e tenendoli separati tra loro il più possibile. Spostate le verdure sul lato della piastra. Aggiungete circa un terzo dei germogli di soia e dei vermicelli, rigirateli delicatamente per circa 1 minuto e spostateli di lato accanto agli altri ingredienti. Mettete circa un terzo della carne su un unico strato e scottatela per 30 secondi su entrambi i lati, facendo attenzione a non cuocerla troppo. Con un cucchiaio versate un po’ di salsa sopra e distribuitela sula carne finché non è ben colorita. Abbassate la fiamma e, appena prima di servire, unite tutti gli ingredienti rigirandoli delicatamente.
  6. Il sukiyaki dovrebbe essere servito direttamente dalla padella o dalla piastra bollente e posto nel centro del tavolo. Ogni commensale romperà un uovo crudo nella propria fondina, lo sbatterà servendosi dei bastoncini, quindi vi intingerà un boccone di sukiyaki che avrà prelevato dal piatto centrale con i propri bastoncini.
  7. Quando sarete pronti per un secondo giro, la piastra dovrà essere di nuovo bollente e la stessa operazione verrà ripetuta. Una volta finiti gli ingredienti solidi del sukiyaki potrete condire del riso a vapore con il delizioso e fragrante sugo rimasto nella piastra.

Nota: dovete grigliare la carne e le verdure in piccole porzioni per evitare che cuociano troppo. Potete preparare questa ricetta, fino alla fine del punto 4, 2 ore prima. Siate sicuri che tutto il necessario sia in tavola e che i vostri ospiti siano comodi prima di iniziare il processo di cottura. Normalmente, per il sukiyaki, vengono utilizzati due tipi di vermicelli: gli harusame, vermicelli bianchi molto fini, quasi trasparenti, simili a quelli cinesi tipo cellophane, che potrete usare in sostituzione; gli shirataki, trasparenti, con una consistenza gelatinosa e provengono dalla radice di una piatta detta “lingua del diavolo”. Alcuni preferiscono accompagnare il sukiyaki con del riso, sebbene questa usanza non appartenga alla tradizione.

Ricetta tratta da: "Anne Wilson – Cucina giapponese e coreana"


Una variante per la preparazione della salsa è la seguente:

180 ml di sake, 250 ml di salsa di soia, 150 gr di zucchero, 180 ml di mirin, 550 ml di acqua, Alga Kombu

Per acquistare i vostri prodotti internazionali preferiti visitate il nostro Shop Online ATuttoEtnico

Annunci