MisOrientarsi: dopo averlo comprato come “sbarazzarsi” di lui!

misoChe cos’è il Miso? Il Miso è un condimento di origine giapponese diffuso in tutto l’Estremo Oriente. Si tratta di una pasta ottenuta dalla fermentazione dei fagioli di soia alla quale è possibile aggiungere altri cereali come l’orzo o il riso. Quest’ultima combinazione è quella più diffusa, chiamata Kome Riso, ed è quella disponibile presso il nostro negozio. Come appena detto, il Miso è disponibile in diverse varietà, a una colorazione più chiara a una più scura. Queste di distinguono fra loro in base al gusto e alla consistenza.

Qual’è la sua origine? Si tratta di un alimento “antico” e, in quanto tale, la sua origine è da ricondurre addirittura al Neolitico. La ricetta vera e propria del Miso nacque intorno al 600 d.C ad opera dei monaci buddhisti cinesi. Da quel momento in poi ebbe una larghissima diffusione e giunse anche in Giappone sotto l’impulso del buddhismo Zen. La ricerca della sobrietà e dell’armonia era da ricercare in ogni aspetto della vita, anche nella cucina, e quale alimento migliore rappresentava ciò se non il Miso stesso? Questo è uno dei motivi per il quale il Miso è diventato uno dei condimenti principali della cucina giapponese tanto da aver coniato il detto popolare “miso sae areba” ossia “tutto và bene finché c’è miso“.

Valori Nutrizionali? Alimento di sola origine vegetale, contiene tutte le proteine nobili in buona quantità, il che lo rende un alimento utile a integrare una dieta che si voglia rendere più completa. È inoltre ricco di enzimi, simili a quelli dello yogurt,  e migliora la flora batterica simbionte venendo in aiuto nei disturbi intestinali. Essendo ricco di sodio  può essere sconsigliato agli ipertesi. È un alimento ricco di lecitina e di acido linoleico, che sciolgono il colesterolo  nel sangue. Può quindi trovare impiego nella dieta dei cardiopatici o nella prevenzione di ictus e trombosi.  Come tutti gli alimenti derivati dalla soia,  contiene in buona quantità le vitamine del gruppo B, protettrici del tessuto epidermico e nervoso. [Fonte Wikipedia]

Come si usa? Il Miso viene utilizzato moltissimo nella dieta giapponese, ma anche in quella coreana, soprattutto per la preparazione di minestre, brodi, salse e marinature. Ultimamente sta prendendo molto campo anche tra coloro che seguono un regime alimentare vegano/vegetariano, biologico o macrobiotico.

Como lo uso? A questo punto, dopo tanti discorsi, arriviamo al punto clou del post! Dopo aver acquistato una confezione di Miso, anche soltanto la curiosità di provarlo, come faccio a “sbarazzarmene”? Ormai tutti (o quasi) conoscono anche solo di nome la Zuppa di Miso giapponese (vedi ricetta). Ma, capisco bene, che non si piò tenere in casa una confezione di Miso SOLO per preparare quella zuppa! Quindi vi proporrò 2 semplici ricette per poter dar fondo alla vostra scorta senza cadere nella banalità!

  1. Create una salsa mescolando assieme Miso, Senape, Aceto di Riso, Zucchero di Canna e Salsa di Soia. Si tratta di un’ottima salsa con la quale spennellare il salmone e poi cuocerlo alla griglia
  2. Mettete in un pentolino 1 cucchiaio di Miso, 1 spicchio d’aglio tritato, 1/2 cucchiaino di zucchero (preferibilmente di canna) e 1/4 tazza di acqua. Portate ad ebollizione lentamente, mantenendo la fiamma bassa. Cuocete il tutto per 1 minuto. Togliete dal fuoco e aggiungete 1 cucchiaino di Olio di Sesamo e 1/2 cucchiaino di Aceto di Riso. Unite 1 cucchiaino di Semi di Sesamo e 1 cipolla verde tritata. Ottimo come accompagnamento per le verdure grigliate.

Disponibile in negozio sia nella versione classica che in quella vegana.

Per acquistare i vostri prodotti internazionali preferiti visitate il nostro Shop Online ATuttoEtnico
Annunci